l' alcol è cancerogeno

Lʼalcol è cancerogeno anche se viene consumato con moderazione?

L’alcol è da lungo tempo noto come una sostanza cancerogena, ma  si tende a credere che il consumo moderato non causi effetti negativi sulla salute. Tuttavia, gli esperti confermano che anche il consumo moderato di alcol può aumentare il rischio di sviluppare diversi tipi di cancro.

La relazione tra alcol e cancro è stata evidenziata da numerosi studi scientifici condotti nel corso degli anni. L’alcol è classificato come un cancerogeno di classe 1 dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il che significa che è una sostanza che causa il cancro negli esseri umani. È stato dimostrato che l’assunzione continuativa di alcol può aumentare il rischio di sviluppo del cancro al fegato, al seno, all’esofago, alla laringe, alla bocca, alla gola e al colon.


Esiste un quantitativo massimo giornaliero di alcol considerato innocuo?


Secondo alcune organizzazioni sanitarie l’assunzione giornaliera massima di alcol considerata innocua è di una bevanda alcolica standard per le donne e di due bevande alcoliche standard per gli uomini.

Una bevanda alcolica standard contiene circa 14 grammi di alcol puro. Questa quantità di alcol è contenuta in una lattina di birra da 355 ml (circa 5% di alcol), in un bicchiere di vino da 150 ml (circa 12% di alcol) o in un bicchierino di  whisky o grappa da 44 ml (circa 40% di alcol).

Quindi, secondo queste indicazioni, gli uomini potrebbero consumare fino a due di queste bevande alcoliche standard al giorno, mentre le donne dovrebbero limitarsi a una sola.
E’ importante sottolineare che questi limiti non sono assoluti e possono variare a seconda di fattori individuali, come l’età, il peso, la salute generale e la tolleranza all’alcol di ciascun individuo. Alcune persone potrebbero essere più sensibili agli effetti dell’alcol e potrebbero riscontrare problemi anche con quantitativi inferiori rispetto a quelli considerati standard.


Tuttavia, il consumo abituale di alcol ha numerosi effetti negativi sulla salute indipendentemente dalla quantità giornaliera consumata.


L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha evidenziato che il consumo abituale dell’alcol, INDIPENDENTEMENTE DALLA QUANTITA’ causa problemi di salute a lungo termine come malattie cardiovascolari, cancro, malattie del fegato e problemi psicologici.
Per questo motivo, è fondamentale avere una mentalità consapevole e responsabile nei confronti del consumo di alcol. È consigliabile limitarne l’assunzione, evitare di bere in eccesso e di bere tutti i giorni, e prendere in considerazione i giorni di astinenza alcolica per permettere al corpo di riprendersi e disintossicarsi.

Gli esperti affermano che non esiste un livello sicuro di consumo di alcol quando si tratta di prevenire il cancro. Sebbene i rischi siano maggiori per coloro che bevono in modo pesante o eccessivo, anche i consumatori moderati dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi per la salute.


Perchè l’ alcol è cancerogeno?


I meccanismi attraverso i quali l’alcol può causare il cancro non sono ancora completamente compresi, ma ci sono diverse ipotesi.

Una ipotesi accreditata è che l’ alcol possa danneggiare il DNA e interferire con i meccanismi di riparazione del corpo, aumentando così la probabilità di sviluppare mutazioni genetiche che possono portare al cancro. Inoltre, quando il nostro corpo metabolizza l’alcol, si forma l’acetaldeide, una sostanza tossica che può danneggiare le cellule e portare all’infiammazione cronica, creando un ambiente favorevole per lo sviluppo del cancro.


Conclusioni


Non c’è dubbio che l’alcol sia una sostanza cancerogena e che il suo consumo, anche quando moderato, aumenta il rischio di sviluppare il cancro. Gli esperti sono unanimi nel mettere in guardia sulle conseguenze negative dell’assunzione di alcol sulla salute. Prendere coscienza di questi rischi e adottare azioni di responsabilità è fondamentale per proteggere la nostra salute e ridurre il rischio di cancro.

Per approfondire l’ argomento, ti consiglio anche la lettura di questo articolo pubblicato dal sito IL FATTO ALIMENTARE: